Focus > Piloti

19 gennaio 2017

Davies, l’uomo dei record: “Vincere è speciale, ma lavoriamo sulla costanza”

Undici vittorie, 10 giri veloci in gara – entrambi un record nel Campionato Mondiale Superbike 2016 – e 17 podi complessivi su 26 gare non sono stati sufficienti a placare la “fame” di Chaz Davies. Il gallese, protagonista indiscusso della stagione, chiusa con 7 successi nelle ultime 8 gare, 6 dei quali consecutivi, vuole di più.

Continua a leggere >


2 settembre 2016

I segreti dell'allenamento di Davide Giugliano

La strada per il successo è impervia e tortuosa, costellata di sconfitte, lacrime e sudore. Ogni sportivo lo sa, ma ciascuno preferisce costruirla a modo suo, in un “cantiere” unico che, in comune con quello dei compagni e rivali, ha solo il fatto di restare irrimediabilmente aperto. Volete scoprire come ci si prepara a domare oltre 200 cavalli e lottare con gli avversari, spesso ad oltre 300 km/h, sui circuiti di mezzo mondo?

Lo abbiamo chiesto al pilota del team Aruba.it Racing - Ducati, Davide Giugliani

Continua a leggere >


19 gennaio 2017

Melandri 2.0: “Voglio sfruttare al meglio questa opportunità. Tutto è possibile”

Potrebbe suonare come un paradosso ma, a 34 anni, Marco Melandri è pronto ad iniziare una nuova vita agonistica. Il ravennate ha mosso i suoi primi passi con le due ruote a quattro anni su una minimoto per poi coronare il sogno di diventare un pilota professionista e disputare 18 stagioni consecutive a livello mondiale tra MotoGP e Superbike. Tutte tranne la scorsa, la più lunga della sua carriera. Ma ora, “Macio” è pronto a ripartire.

Continua a leggere >


2 settembre 2016

I segreti dell'allenamento di Chaz Davies

La strada per il successo è impervia e tortuosa, costellata di sconfitte, lacrime e sudore. Ogni sportivo lo sa, ma ciascuno preferisce costruirla a modo suo, in un “cantiere” unico che, in comune con quello dei compagni e rivali, ha solo il fatto di restare irrimediabilmente aperto. Volete scoprire come ci si prepara a domare oltre 200 cavalli e lottare con gli avversari, spesso ad oltre 300 km/h, sui circuiti di mezzo mondo?

Lo abbiamo chiesto al pilota del team Aruba.it Racing - Ducati, Chaz Davies.

Continua a leggere >


25 agosto 2016

Identikit di Leandro Mercado

Sono giovani, determinati, veloci, competitivi fino al midollo e desiderosi di ricoprire un ruolo da protagonisti assoluti sui palcoscenici – leggi, circuiti – di tutto il mondo… ma per il resto non sembrano avere troppe cose in comune. Stiamo parlando di Leandro “Tati” Mercado e Michael Ruben Rinaldi, piloti dell’Aruba.it Racing - Junior Team nella Superstock1000 FIM Cup. A prima vista, uno è più riflessivo e l’altro più esuberante, ma le apparenze spesso ingannano. Per questo abbiamo chiesto a loro di raccontarsi in prima persona, tracciando una sorta di identikit personale.

Nome: Leandro Mercado

Continua a leggere >


19 gennaio 2016

Giugliano? È veloce, generoso e sensibile

Aligi Deganello e Paolo Biasio, “new entry” nel box Aruba.it Racing - Ducati, raccontano i primi passi con Davide Giugliano.

Nonostante fosse iniziata sotto i migliori auspici – con una serie di primi tempi durante i test invernali – la stagione 2015 non è andata secondo i piani per Davide Giugliano. Il romano ha potuto suo malgrado partecipare a soltanto cinque degli appuntamenti in calendario – raccogliendo comunque tre podi, due pole position ed un best lap in gara – a causa di due cadute che lo hanno tenuto a lungo ai box. Tuttavia, arrendersi non fa parte del vocabolario del pilota 26enne, determinato a sfruttare le avversità per temprare spirito e corpo e dare vita ad un nuovo corso. Al suo fianco, in un’avventura appena iniziata, Giugliano ha trovato due nuovi “alleati”, Aligi Deganello e Paolo Biasio, rispettivamente nei ruoli di capotecnico ed elettronico.
Deganello e Biasio hanno già lavorato insieme, con risultati memorabili. Uno su tutti, il titolo vinto in 250 insieme al compianto Marco Simoncelli, al quale Giugliano era legato da una profonda amicizia fin dai tempi delle minimoto. Una motivazione in più in vista di una nuova sfida. Alla vigilia dei primi test del 2016, abbiamo fatto una chiacchierata con le "new entry" nei box del team Aruba.it Racing - Ducati.

Continua a leggere >


25 agosto 2016

Identikit di Michael Ruben Rinaldi

Sono giovani, determinati, veloci, competitivi fino al midollo e desiderosi di ricoprire un ruolo da protagonisti assoluti sui palcoscenici – leggi, circuiti – di tutto il mondo… ma per il resto non sembrano avere troppe cose in comune. Stiamo parlando di Leandro “Tati” Mercado e Michael Ruben Rinaldi, piloti dell’Aruba.it Racing - Junior Team nella Superstock1000 FIM Cup. A prima vista, uno è più riflessivo e l’altro più esuberante, ma le apparenze spesso ingannano. Per questo abbiamo chiesto a loro di raccontarsi in prima persona, tracciando una sorta di identikit personale.

Nome: Michael Ruben Rinaldi

Continua a leggere >


12 gennaio 2016

"Chaz Davies, il pilota della porta accanto". Il gallese raccontato dal suo braccio destro in pista, Alberto Colombo

Nel mondo della Velocità, il capotecnico ricopre diversi ruoli, ciascuno di vitale importanza. È innanzitutto il “secondo” che assiste il pilota a bordo “ring”, nei box, dove traduce parole e numeri in soluzioni per migliorare la competitività. Così facendo, spesso diventa consigliere, stratega e, spesso e volentieri, confessore.
Stabilire una totale simbiosi tra capotecnico e pilota è fondamentale ma richiede tempo, tanto che è ormai prassi comune a molti “riders” portare con sé i propri uomini di fiducia per affrontare insieme nuove sfide. È quello che ha fatto Chaz Davies con Alberto Colombo, meglio conosciuto come “Moro”, che gli fa da spalla dal 2012. Il 48enne lombardo, alla vigilia della quinta stagione con il pilota Ducati, ha condiviso con noi alcuni particolari del loro rapporto.

Continua a leggere >


L’attesa è finita. Davide Giugliano di nuovo in pista a Jerez il 25-27 novembre

L’attesa è finita. Davide Giugliano si riunirà al Team in occasione dei test di Jerez, che chiuderanno il programma 2015, dal 25 al 27 novembre. Il 26enne romano tornerà così in sella alla Panigale R a quattro mesi dalla gara di Laguna Seca, dove ha riportato la frattura della vertebra D3. Nonostante l’infortunio, il 34 ha comunque avuto modo di dimostrare il proprio talento con 3 podi (miglior risultato: 2º in Gara Due a Portimão) e 2 pole position (Imola, Portimão) in dieci gare disputate, dove ha stazionato stabilmente nelle prime cinque posizioni. Le aspettative per la prossima stagione, con diverse novità nei box sia dal punto di vista della moto che dei tecnici, sono naturalmente alte. Nei test dei prossimi giorni, pilota e team inizieranno il lavoro dalle fondamenta, per presentarsi all’avvio della nuova stagione in piena forma. Alla vigilia del suo ritorno ufficiale in pista, Giugliano ha fatto il punto della situazione.

Continua a leggere >